domenica 2 gennaio 2011

Il Sultano sottopose a San Francesco D'Assisi un'altra questione:


FF. 2690-2691


II vostro Signore insegna nei Vangeli che voi non dovete rendere male per male, e non dovete rifiutare neppure il mantello a chi vuol togliervi la tonaca, dunque voi cristiani non dovreste imbracciare armi e combattere i vostri nemici;


rispose il beato Francesco:


"Mi sembra che voi non abbiate letto tutto il Vangelo. Il perdono di cui Cristo parla non è un perdono folle, cieco, incondizionato, ma un perdono meritato.

Gesù infatti ha detto: "Non date ciò che è santo ai cani e non gettate le vostre perle ai porci, perché non le calpestino e, rivoltandosi, vi sbranino". Infatti il Signore ha voluto dirci che la misericordia va dispensata a tutti, anche a chi non la merita, ma che almeno sia capace di comprenderla e farne frutto, e non a chi è disposto ad errare con la stessa tenacia e convinzione di prima.

Altrove, oltretutto, è detto: "Se il tuo occhio ti è occasione di scandalo, cavalo e gettalo lontano da te”. E, con questo, Gesù ha voluto insegnarci che, se anche un uomo ci fosse amico o parente, o perfino fosse a noi caro come la pupilla dell'occhio, dovremmo essere disposti ad allontanarlo, a sradicarlo da noi, se tentasse di allontanarci dalla fede e dall'amore del nostro Dio.


Proprio per questo, i cristiani agiscono secondo massima giustizia quando vi combattono, perché voi avete invaso delle terre cristiane e conquistato Gerusalemme, progettate di invadere l’Europa intera, oltraggiate il Santo Sepolcro, distruggete chiese, uccidete tutti i cristiani che vi capitano tra le mani, bestemmiate il nome di Cristo e vi adoperate ad allontanare dalla sua religione quanti uomini potete.
Se invece voi voleste conoscere, confessare, adorare, o magari solo rispettare il Creatore e Redentore del mondo e lasciare in pace i cristiani, allora essi vi amerebbero come se stessi".


Approfondimenti:


6 commenti:

  1. Ciao Samuele!
    Condividi senz'altro! :)
    Daniela

    RispondiElimina
  2. A questo punto credo che, ad Assisi, la rimpatriata d'ottobre non potrà aprirsi senza scuse della Chiesa Cattolica al mondo intero per l'insolenza odiosa ed antiecumenica del poverello.
    Siamo alla frutta ed in fundo non ci sarà dulcis!

    RispondiElimina
  3. These kind of post are always inspiring and I prefer to read quality
    content so I happy to find many good point here in the post, writing
    is simply great, thank you for the post!
    cheap electronics

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post che smantella per bene quell'immagine tipo caramelle "Topolino's" un po' stucchevole. San Francesco era ben altro e sono lieto di conoscerlo nella giusta veste.

    RispondiElimina

Benvenuto, grazie del tuo contributo...